Skip links

Il vino, tra storia e leggenda: la Francia

La Francia vanta un’ antichissima tradizione enologica, radicata già nei tempi antichi; la storia del vino francese risale al 600 a.C. circa, periodo nel quale i greci fondarono l’attuale Marsiglia, allora chiamata Massalia, e ne introdussero la vite. Ciononostante, anche se allo stato selvatico, la vite era un pianta già presente sul territorio europeo, Francia compresa. I primi a sviluppare le potenzialità delle viti furono i Romani, con il loro approdo sul territorio francese alla fine del II° secolo a.C.. Prima di essere prodotto in Francia, infatti, il vino era già prodotto in Italia ed era di alta qualità, specie in confronto all’emergente viticoltura francese. Anche gli Etruschi esportavano vino in Francia, abbiamo questa certezza grazie ad anfore di vino ritrovate nell’attuale Borgogna. Nell’opera “Naturalis Historia” di Pilinio Il Vecchio, troviamo informazioni importantissime anche su questo argomento: Pilinio racconta che nell’attuale Vienne, nella Valle del Rodano, veniva prodotto un vino resinato che veniva venduto poi a dei prezzi piuttosto elevati. Proprio per questo, possiamo considerare la Valle del Rodano, la prima e vera zona vitivinicola qualitativa di tutta la Francia.

Già nel sesto secolo la viticoltura era ben radicata e diffusa praticamente in tutto il territorio Francese, prevalentemente ad opera di monaci che coltivavano ampiamente la vite nei loro monasteri in quanto necessaria a produrre vino per officiare le liturgie. Un particolare merito va riconosciuto proprio all’opera svolta dai monaci per l’enologia; il loro prezioso contributo ha portato allo sviluppo e il perfezionamento delle tecniche enologiche, la stessa enologia moderna si basa in larga parte sul loro lavoro.

La viticultura in Francia è attualmente diffusa su quasi tutto il territorio nazionale, e tutti gli altri paesi vitivinicoli del mondo, sulla scia del successo Francese, tentano di emularne la qualità e lo stile, come se l’unico segreto per fare un buon vino sia da ricercarsi prevalentemente o esclusivamente sulle varietà di uva utilizzata. In realtà il successo dei vini Francesi non è dettato solamente dalle uve utilizzate: il territorio e il clima sono altri fattori fondamentali del suo successo che, uniti ad una secolare esperienza orientata alla qualità delle materie e delle procedure, hanno contribuito al successo dell’enologia Francese.

Alla prossima e…salute!!

Lo sapevate che il monaco Dom Perignon, al quale è attribuita la paternità del metodo di spumantizzazione più prestigioso al mondo, in realtà stava cercando un metodo per produrre un vino fermo con particolari caratteristiche di limpidità?

Join the Discussion

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.