Skip links

Taurasi DOCG 2012

 45,00

Vino rosso di grande pregio. Colore rosso rubino con una spiccata unghia aranciata, estremamente strutturato. Al naso sentori di frutta matura, ciliegia, amarena, prugna, note di spezie e tabacco, leggere sfumature di liquirizia e cioccolato. Consigliato per piatti a base di carne rossa, cacciagione, formaggi stagionati. Servire a circa 18°C.

.

Descrizione

TAURASI D.O.C.G. 

Taurasi D.O.C.G Vendemmia 2012 di Agricola Bellaria è un eccellente  vino rosso a denominazione D.O.C.G. 

Caratteristiche 

Il Taurasi è un vino prodotto da Agricola Bellaria nelle campagne di  Paternopoli, in provincia di Avellino, una delle poche zone autorizzate alla  coltivazione dell’Aglianico, il vitigno da cui è prodotto il Taurasi. Attraverso il rispetto di rigorosi standard di lavorazione dettati dal  Disciplinare di produzione e dopo un percorso lungo quattro anni, le uve  dell’Aglianico acquisiscono appieno le caratteristiche del Taurasi. È un apposito Ente certificatore a verificare la provenienza, le  caratteristiche e le lavorazioni per attribuire la denominazione D.O.C.G. 

L’eccezionalità del Taurasi è legata alla coesistenza di un mix perfetto di  fattori come la terra, il clima e i rigogliosi vigneti delle colline irpine, tutte  collocate tra i 500 e i 600 metri di altezza. 

La produzione vinicola del Taurasi non supera i 100 quintali per ettaro e la  resa massima delle uve in vino non può superare il 60%. per ettaro. Annoverato tra i migliori vini del Mezzogiorno, il Taurasi è un vino  corposo, dalla struttura importante tanto quanto la gradazione alcolica, che  conferisce un’immediata sensazione di calore nel momento della sua  degustazione. 

Il raffinamento del Taurasi in botti di legno avviene nell’arco di 12 mesi. Il  vino è oggetto di una serie di lavorazioni organolettiche per arrivare ad  acquisire le caratteristiche e il sapore che lo contraddistinguono. Il Taurasi,  inoltre, viene sottoposto a “macerazione molecolare”, un processo che  consiste nel contatto tra il succo e le bucce per un giorno in condizioni  controllate. 

Un sapore fruttato, quello del vino Taurasi, che si completa con deliziose  note di vaniglia, liquirizia e cioccolata. Solitamente servito a una  temperatura di 16-18°C, il Taurasi accompagna piatti dal sapore deciso ed  è il vino ideale per le cene più raffinate. Selvaggina, formaggi a pasta dura e ben stagionati e carni rosse e in generale con una buona percentuale di  grasso. 

Taurasi ha un odore gradevole, più o meno intenso a seconda della  gradazione alcolica e un sapore intenso. Il colore tipico del Taurasi è il  rosso rubino, accompagnato da riflessi aranciati che aumentano  progressivamente con l’invecchiamento del vino. 

Origini 

Le origini del Taurasi risalgono all’età preromana. 

L’Aglianico, il vitigno da cui viene prodotto il Taurasi, era definito come  “hellenico”, ovvero di origine greca. Il vino Taurasi ha successivamente  preso il nome da “Taurasia”, un piccolo borgo vinicolo di cui i romani si  impossessarono dopo aver sconfitto gli irpini, nell’80 d.C. Proprio in questa  zona, i romani trasferirono poi migliaia di coloni liguri per lavorare i  vitigni. 

PREMI E RICONOSCIMENTI 

Bronze Medal | International Wine Challenge 2015 

Silver Medal | International Wine Challenge 2016 

Silver Medal | Decanter Asian Wine Awards 2015 

Due Bicchieri | Gambero Rosso 2016 

Bibenda | 2017

Caratteristiche

VITIGNO
Aglianico 100%

DENSITA
2500 piante per ettaro

PRODUZIONE MAX PER HA
70 ql

UVAGGIO
Aglianico 100%

RESA MAX CONSENTITA
70% – 55% alla fine dell’invecchiamento

ALCOOL
14 % vol.

ACIDITA’ TOT
Gr./lt. 6

ACIDITA’ VOLATILE
Gr./lt. 0,40

ZONA DI PRODUZIONE
Collinare ( 400-500 metri s.l.m.)

ALLEVAMENTO
Spalliera – guyot

VENDEMMIA
Manuale, in cassette, nella prima decade di Novembre

SISTEMA DI VINIFICAZIONE
Diraspatura e leggera pressatura. Inoculo di lieviti selezionati, macerazione a temperatura controllata 25-30 °C. Svinatura e pressatura soffice delle vinacce, conservazione in serbatoi di acciaio fino alla fermentazione malolattica naturale. Invecchiamento in barriques da 225lt per un periodo di 18 mesi. Conservazione in serbatoi di acciaio fino all’imbottigliamento.